Archivio mensile:settembre 2016

Chi trova un amico trova un tesoro

amico-tesoroC’è stato un momento della mia vita, un preciso momento, in cui ho sperimentato un repentino passaggio da uno stato d’animo di profonda tristezza ad uno di immensa felicità. Poco dopo la morte dei miei genitori conobbi, grazie ad un mio carissimo amico, la mia futura moglie. Fù alla seconda uscita insieme quando salutandoci ci regalammo il primo bacio. Come si usa dire, ero al settimo cielo, un cielo in più e probabilmente avrei incontrato i miei genitori. Il nostro matrimonio dura da più di sedici anni e nel frattempo, tra alti e bassi, abbiamo avuto due figli. Due stupende creature.
Se sento che la mia vita non è stata un fiasco completo e grazie a loro, se mi sento in parte realizzato e grazie a loro. E tutto questo è comunque qualcosa che non ho cercato ma mi è stato donato. Donato da un amico. E’ proprio vero il detto: chi trova un amico trova un tesoro.

Annunci

Sono necessarie le parole per comunicare?

cimitero buddistaEro seduto a fumare davanti a delle tombe, in un tempio buddista dove da poco era stato cremato mio suocero giapponese. Ero in regola visto che mi trovavo in una piccola smoking area allestita allo scopo. La cerimonia era durata tutta la mattina, con preghiere, saluto al defunto, cremazione e pranzo. Dopo il pranzo, svoltosi in una grande stanza con vista tombe, ero uscito con la scusa di prendere una boccata di aria.
Ho volontariamente evitato di andare ai funerali dei miei genitori, un pò per evitarmi ulteriore pena, un pò perchè non capivo a cosa servisse. Ero molto giovane e sicuro che i miei tre fratelli tutti più grandi di almeno quindici anni, avrebbero svolto egregiamente tutte le incombenze del caso. Immagino comunque che, almeno nelle linee principali, la cerimonia funeraria cattolica non si discosti troppo da quella buddista. L’unico aspetto che mi ha davvero sconcertato in quella buddista è stato quando, dopo la cremazione, ognuno dei presenti ha dovuto, munito di bacchette di legno come quelle del pranzo, prelevare le ossa rimaste intatte e deporle senza farle cadere all’interno dell’urna. Per il resto essendo tutta una novità per me il tempo era passato relativamente veloce ed interessante.
Non vorrei essere frainteso, l’apparente distacco con cui racconto l’episodio non corrisponde in alcun modo al mio stato d’animo, al contrario il mio spirito e tuttora oppresso da un forte senso di perdita e tristezza. Infatti, ed è di questo che vorrei parlare, l’attaccamento e l’affetto che provavo per Toshiiko, il mio suocero defunto, era fortissimo, al di là di ogni logica comunicativa.
Non sono portato per le lingue straniere (e forse nemmeno per quella italiana), prova ne è la mia scarsissima conoscenza del giapponese, nonostante i quasi sedici anni passati insieme a mia moglie e ai numerosi viaggi in Giappone. Questa mancanza però non ha impedito la comunicazione con Toshiiko che al contrario è stata una tra le più intense e profonde avute con essere umano (quella con i gatti è un altra storia); una comunicazione fatta prevalentemente di gesti ed azioni più che di parole. Anche l’inglese era impraticabile vista la sua scarsissima conoscenza da parte di Toshiiko.
Ne ho avuto piena consapevolezza proprio mentre guardavo quelle tombe silenziose su cui si posavano, di tanto in tanto, uccelli a me sconosciuti. E’ li che mi sono chiesto se fossero davvero necessarie le parole per comunicare i propri sentimenti. Ho sempre pensato che il linguaggio fosse più un subdolo avversario con cui fare i conti che un alleato di cui fidarsi.
Forse le uniche parole che potrei usare senza essere frainteso sono: “ti voglio bene Toshiiko e mi mancherai moltissimo”, ma per non rischiare appenderò soltanto una delle sue foto, da me e da lui preferite, davanti alla mia scrivania.

L'assassino è il maggiordomo?

Solo se è davvero fidato

Always Level Up!

Barba, Videogiochi, Cultura Pop, Politica e LGBTQ

michiamoblogjamesblog

la lotta agli occhiali neri è appena cominciata...

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Cosa vuoi fare da grande?

Il futurometro non nuoce alla salute dei vostri bambini

FarOVale

Hearts on Earth

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel-aka-Ivan Baio